SERATA BACCALA'

By locanda / ottobre 20, 2017

Read More

ABRUZZO: UNA TERRA DA VIVERE TRA MARE E MONTAGNA

By locanda / settembre 4, 2017

Read More

FRANCAVILLA AL MARE

By locanda / agosto 10, 2017

Read More

UN MARE DA VIVERE

By locanda / agosto 7, 2017

Read More

PESCARA

By locanda / agosto 1, 2017

Moderna città sulle sponde dell'omonimo fiume, ha dato i natali al poeta Gabriele D'Annunzio.
E' circondata da verdeggianti colline e da pinete e protetta​ dalle possenti catene appenniniche della Majella e del Gran Sasso.
Da visitare il​ Museo delle Genti d'Abruzzo, la casa natale di D'annunzio, l'antico e animato corso Manthonè.
Tnti gli eventi che animano il centro della città nei quartieri dello shopping e della movida e lungo il litorale attrezzato e dinamico.

Read More

La Valle del Foro

By locanda / gennaio 19, 2016

La Valle del Foro è il territorio attraversato dal fiume Foro che dal monte Majella giunge fino al litorale del Mare Adriatico: una striscia di terra della provincia di Chieti che è anche riserva regionale.
Chi va alla scoperta dei percorsi della Valle del Foro ha l'opportunità di entrare in contatto con una varietà di paesaggi, spesso caratterizzati da una natura incontaminata in cui si alternano ruscelli e cascate, boschi di faggi e diverse specie animali: non è raro avvistare scoiattoli neri, aironi cenerini, volpi e falchi.

Una valle ricca di località che meritano di essere esplorate, come i numerosi paesi, ricchi di eredità e tradizioni che si mantengono intatte con il passare degli anni. Come Guardiagrele, considerato uno dei borghi più belli d'Italia. Pretoro, incastonata ai piedi della Majella, famosa per la rappresentazione nella prima domenica di maggio del miracolo di San Domenico e “lu lope”, tra serpenti e vicoli millenari. Fara Filiorum Petri, con lo spettacolo delle “farchie” in onore di Sant'Antonio Abate. Bucchianico, un bellissimo borgo ricco di storia e rievocazioni medievali, come la festa dei “Banderesi (sbandieratori). Non meno ricchi di fascino e particolarità tutti gli altri borghi che costeggiano la valle fino al mare, per giungere a Francavilla al Mare, con le sue bellissime spiagge e Ortona, con il suo splendido castello aragonese che si affaccia sull'Adriatico.

Numerose le opportunità per svolgere attività sportive all'aria aperta, con tante occasioni per tutti i livelli, dal professionista alle famiglie. Tanti i percorsi di trekking e mountain bike lungo fiume e verso le colline limitrofe, e a cavallo (diversi i maneggi lungo il fiume). Molte le opportunità sportive in montagna come il percorso sugli alberi a Bocca di Valle, o presso gli impianti sciistici di Passo Lanciano e Majelletta. Il bellissimo campo da golf di Miglianico offre giornate di relax agli amanti di questa attività. E infine il mare per gli appassionati di windsurf, canoa e pesca subacquea.
Insomma, sono davvero tanti i motivi per cui vale la pena di visitare questa area naturale scavata dal fiume Foro che in appena una ventina di chilometri parte dai circa 3000 metri della Majella per giungere fino all'Adriatico.
Soggiornare, ammirare la natura, divertirsi e soddisfare il palato con le prelibatezze culinarie tipiche del territorio: nella Valle del Foro si può.



Read More

Le Farchie

By locanda / gennaio 12, 2016

Tra gli eventi da segnalare in Abruzzo, la Festa delle Farchie di Fara Filiorum Petri è uno di quelli da non perdere. Le sue origini risalgono addirittura all'epoca dell'invasione francese del 1799 e si basano su un miracolo compiuto da Sant'Antonio Abate: si narra che, all'arrivo delle truppe nemiche, il santo trasformò le querce intorno a Fara in fiamme, impedendo così ai soldati di entrare nel borgo. Tutto il folclore e la tradizione locale si esprimono in questa particolarissima festa paesana che si svolge il 16 gennaio di ogni anno coinvolgendo tutti gli abitanti. 

Ma in che cosa consiste? Ogni contrada, delle sedici che partecipano all'evento, crea le "farchie", dei fasci di canne molto grandi legati insieme a dei rami di salice rosso; nel pomeriggio del 16 gennaio, queste vengono portate in processione nella piazza davanti alla Chiesa di S. Antonio Abate, vengono innalzate in verticale e poi, al tramonto, vengono incendiate.

Lo spettacolo di questi giganteschi falò è davvero molto suggestivo, anche perché intorno si festeggia con musica e canti tradizionali, buon vino e tante specialità gastronomiche tipiche del paese. Vale proprio la pena di organizzare una piccola vacanza nella località per assistere a questo spettacolo caratteristico e indimenticabile: ma dove dormire a Fara Filiorum Petri? A pochi chilometri da questo paesino, nel centro storico del comune di Vacri, ti aspettiamo alla Locanda Del Vecchio Borgo per un soggiorno all'insegna del relax, del divertimento e della buona cucina. Offriamo cinque mini appartamenti accoglienti, ben arredati e con una vista spettacolare sul panorama circostante, oltre che saporiti piatti della cucina tradizionale abruzzese e ottimo vino locale. Il posto giusto per godersi la natura, il buon cibo regionale e, naturalmente, la Festa delle Farchie.

Read More

Sciare sulla Majella Chietina: Passolanciano e Majelletta

By locanda / dicembre 17, 2015

L'Abruzzo, terra di montagne e di parchi, vanta numerose stazioni sciistiche dove è possibile trascorrere delle ottime giornate all'insegna degli sport invernali. Le montagne abruzzesi offrono un buon innevamento nei mesi più freddi e le temperature rigide consentono a molti impianti di mantenere il manto nevoso anche grazie all'apporto di neve artificiale.

Sciare a Passolanciano – Majelletta,  all'estremità settentrionale della Majella, offre agli sciatori uno dei più spettacolari e fantastici panorami fra quelli della nostra regione. Nelle giornate limpide infatti è possibile sciare avendo sullo sfondo il mare.
Larghe  piste  e soprattutto ottimo innevamento sono le caratteristiche principali del bacino sciistico che si estende dai 1306 metri di Passolanciano fino ai 1995 metri della cima della Majelletta.
La seggiovia e otto skilift servono 16 piste di discesa con vari livelli di difficoltà. 

Majelletta​

Il comprensorio sciistico Passolanciano-Majellettasi sviluppa all'estremità settentrionale del crinale principale della Majella ed  è uno dei più spettacolari fra quelli della nostra regione per via del fantastico panorama che offre agli sportivi. Gli ampi scenari che spaziano dalle piste fino al mare Adriatico, le larghe  piste  e soprattutto l'ottimo innevamento sono le caratteristiche principali del bacino sciistico che sale dai 1306 metri di Passolanciano fino ai 1995 metri della cima della Majelletta. La seggiovia e gli otto skilift della zona servono ben 16 piste di discesa ripartite tra tutti i diversi livelli di difficoltà: due nere, nove rosse, cinque blu.Vengono poi tracciati anche due ampi anelli per lo sci di fondo.

Il comprensorio è diviso in 2 stazioni: Passo Lanciano (da 1300 a 1650 m), con piste che si snodano in una folta faggeta, e la Majelletta(da 1650 a 1995 m.), con attrezzato snow park e  ampi campi di neve per carving, fondo, sci-alpinismo.
Il bacino sciistico si trova all'interno del Parco Nazionale della Majella, in un suggestivo ed ampio anfiteatro, diviso tra i comuni di Pretoro Rapino
Pretoro è un caratteristico borgo che sorge su di uno sperone roccioso della Majella. Il paese, le cui case  sembrano scolpite nella roccia della montagna e appaiono quasi incollate tra di loro, separate solo dagli stretti e caratteristici vicoli, domina un territorio di incomparabile bellezza naturalistica. Fiorente è l'artigianato del legno, specializzato in particolare nella costruzione dei fusi per la lavorazione della lana ed oggettistica varia. 
A soli 5 Km.da Pretoro, si trova Rapino, interessante borgo medievale il cui centro storico presenta edifici di notevole importanza architettonica, risalenti al XVI-XVIII secolo.  Rapino vanta una antica tradizione nel campo dell'arte ceramica ed occupa un posto di tutto rilievo tra i centri ceramici storici dell'Abruzzo. Diverse le botteghe artigiane che continuano ad operare nel campo della ceramica artistica. AdM
MAPPA DEGLI IMPIANTI E DELLE PISTE della MAJELLETTA QUI

Passo Lanciano

Il comprensorio sciistico di Passolanciano- Majelletta si sviluppa all'estremità settentrionale del crinale principale della Majella ed  è uno dei più spettacolari fra quelli della nostra regione per via del fantastico panorama che offre agli sportivi. Gli ampi scenari che spaziano dalle piste fino al mare Adriatico, le larghe  piste  e soprattutto l'ottimo innevamento sono le caratteristiche principali del bacino sciistico che sale dai 1306 metri di Passolanciano fino ai 1995 metri della cima della Majelletta.  La seggiovia e gli otto skilift della zona servono ben 16 piste di discesa ripartite tra tutti i diversi livelli di difficoltà: due nere, nove rosse, cinque blu. Vengono poi tracciati anche due ampi anelli per lo sci di fondo. 
Il comprensorio è diviso in 2 stazioni: Passo Lanciano (da 1300 a 1650 m),con piste che si snodano in una folta faggeta, e la Majelletta(da 1650 a 1995 m.), con attrezzato snow park e  ampi campi di neve per carving, fondo, sci-alpinismo.
Il bacino sciistico si trova all'interno del Parco Nazionale della Majella, in un suggestivo ed ampio anfiteatro, diviso tra i comuni di Pretoro Rapino
Pretoro è un caratteristico borgo che sorge su di uno sperone roccioso della Majella. Il paese, le cui case  sembrano scolpite nella roccia della montagna e appaiono quasi incollate tra di loro, separate solo dagli stretti e caratteristici vicoli, domina un territorio di incomparabile bellezza naturalistica. Fiorente è l'artigianato del legno, specializzato in particolare nella costruzione dei fusi per la lavorazione della lana ed oggettistica varia. 
A soli 5 Km.da Pretoro, si trova Rapino, interessante borgo medievale il cui centro storico presenta edifici di notevole importanza architettonica, risalenti al XVI-XVIII secolo.  Rapino vanta una antica tradizione nel campo dell'arte ceramica ed occupa un posto di tutto rilievo tra i centri ceramici storici dell'Abruzzo. Diverse le botteghe artigiane che continuano ad operare nel campo della ceramica arti

Read More